LIBRI: MCCANN

Standard

7368_Questobaciovadaalmondointero_12839043711974. È un’estate torrida, di tradimenti e morti, Watergate e Vietnam. Un’estate di tormento e violenza. Poi, un mattino, New York si ferma incantata per osservare la passeggiata nel vuoto di un funambolo. Lieve e misterioso nel suo gioco di equilibrio, l’uomo ricama un sogno di purezza e speranza percorrendo una corda tesa a 110 metri dal suolo, fra le Torri Gemelle. Sotto di lui, in strada, la città trattiene il respiro e dimentica per un attimo le sue tragedie. Inizia così la storia poetica e convulsa di una manciata di newyorchesi – un monaco di strada che porta la sua missione fra le prostitute nel Bronx; una di loro, giovane e bellissima, che divide il marciapiede con la madre; un’artista corrosa dal rimorso ma decisa a ripulire la propria vita; madri in lutto e una nonna che non vuole arrendersi – le cui vite si sfiorano e si scontrano come biglie, sotto i grattacieli e nei sobborghi di una città dolente e umana. Una città che tiene ben nascosta la propria anima, sospesa come un equilibrista sul filo sottile tra il bene e il male. E’ Philippe Petit, sospeso a 110 metri d’altezza tra le due torri gemelle del World Trade Center, che mette in scena il dramma tutto americano di dolore e senso di colpa. C’è una America del prima, che vive di speranza perché non sa che dopo deve fare i conti con le guerre razziali, con i mal d’amore, con la guerra in Vietman, con il senso del giudizio. E c’è un America del dopo, quella del filo sospeso tra le due Torri gemelle, quella che ha un inizio e una fine, quella che nonostante la vita non è mai come ti aspetti, prosegue, magari si libra su quel filo, ma non cade, non cede, non perde il suo scopo più intimo: perché se c’è un capo (inizio del filo), se c’è chi percorre quel filo (le persone), se c’è una fine (arrivo), c’è sempre una destinazione da raggiungere al di là delle difficoltà, degli imprevisti, delle cadute. E’ così la vita: non sapere mai cosa in realtà verrà dopo, ed è così che sarà anche per la vita di questi personaggi. Il funambolo riuscirà a restare sospeso sul suo filo? Le figlie delle prostitute riusciranno – un giorno – a vivere in un mondo migliore? Ci potrà mai essere un mondo senza lotte tra generi diversi? Tutto ciò non può essere svelato. Perché se la vita non ci dà le coordinate per essere sicuri in ogni situazione, non sarebbe giusto neanche qui chiarificare il tutto, perché è nel dubbio che il senso di scoperta irrompe e dire di più sarebbe venir meno a queste premesse.

CITAZIONI&CO

Standard

images

“[…] Serap, Serap… ripetevamo, canzonandolo. Ma adesso so che è questo il punto dell’amore: avere qualcuno che ti aspetta davanti alla porta, la sera. Qualcuno che ti abbraccia. Qualcuno tra le cui braccia, anche se solo per un giorno e non per sempre, ti senti a casa. A me è successo: oggi, a Roma, mi aspetta un uomo senza il quale so che non potrei più vivere. Il mio unico eterno amore. Amore. Che cos’ho imparato sull’amore? Quello che ho imparato sull’amore è che l’amore esiste. O forse, più semplicemente, quello che ho imparato e imparo sull’amore è quello che racconto nei miei film., in tutti i miei film. E cioè che non dimentichiamo mai le persone che abbiamo amato, perché rimangono sempre con noi in modo indissolubile, anche se non ci sono più.
Ho imparato che ci sono amori impossibili, amori incompiuti, amori che potevano essere e non sono stati. Ho imparato che è meglio una scia bruciante, anche se lascia una cicatrice: meglio l’incendio che un cuore d’inverno. Ho imparato, e in questo ha ragione mia madre, che è possibile amare due persone contemporaneamente: A volte succede: ed è inutile resistere, negare, o combattere.
Ho imparato che l’amore non è solo sesso: è molto, molto di più. Ho imparato che l’amore non sa leggere né scrivere: Che nei sentimenti siamo guidati da leggi misteriose, forse il destino o forse un miraggio, comunque qualcosa di imperscrutabile e inspiegabile. Perché, in fondo non esiste mai un motivo per cui ti innamori. Succede e basta. E’ un entrare nel mistero: bisogna superare il confine, varcare la soglia. E cercare di rimanerci, in questo mistero, il più a lungo possibile”.

Da [Rosso Istanbul di Ferzan Ozpetek]

CITAZIONI

Standard

imagesHY32WU26“La vita è fatta di istanti: istanti di tempo, ma anche di significato. Ogni attimo, fa parte di un linguaggio, del linguaggio della nostra vita. E’ un linguaggio fatto di piccole cose, di piccoli gesti quotidiani, di avvenimenti può o meno casuali. E’ una sorgente creativa di sempre nuove energie perché in essa si rispecchia il nostro essere: un potenziale di gioia che ci fa sentire bene. Invece troppo spesso crediamo di identificarci nei grandi progetti che formuliamo o nelle migliori aspettative che l’esperienza sembra offrirci. E, quando il dolore fa capolino nella nostra vita, pensiamo di affrontarlo pianificando nuovi programmi di lavoro, di successo, di autoaffermazione. In realtà fuggiamo da noi stessi. Non vogliamo prendere atto che la sofferenza non va contrastata gettandoci a capofitto in altre attività. Infatti, quanto più la combattiamo, tanto più le diamo vigore: la ingigantiamo. Al contrario, se lasciamo fluire il dolore senza opporre barriere, se cerchiamo di spegnere i nostri pensieri, allora ci accorgiamo che lentamente esso perde la sua forza dirompente. Poco alla volta si dilegua come nebbia al sole. E la vita tornerà a risplendere”.

Da [Nietzsche a cura di Maurizio Zani]