LIBRI LETTI: COOK

Standard

«I Greci hanno avuto Omero, gli ebrei e i cristiani la Bibbia, gli zoroastriani l’Avesta, gli induisti i Veda, i buddisti il Tripitaka, i cinesi i loro classici e i musulmani il Corano».

Composto di 114 capitoli, detti sure, a loro volta suddivisi in versetti, il Corano per i musulmani è la parola di Dio rivelata al profeta Maometto dall’arcangelo Gabriele: “Dormivo – scrive Maometto – quando Gabriele mi portò un panno di seta coperto di lettere e mi disse: “Leggi”. Così io lessi e Gabriele mi lasciò. Mi svegliai ed era come se quelle parole mi si fossero impresse nel cuore.” Oltre agli inni alla gloria e alla potenza divina, il Corano contiene “storie”, leggende e un complesso di precetti e ammonimenti che da quando il Libro fu rivelato, regolano la vita del popolo musulmano. L’autore descrive che cosa il Corano abbia significato per l’Islam tradizionale e che cosa rappresenti oggi nel mondo contemporaneo.
E certo Noi creammo l’uomo d’argilla finissima, poi ne facemmo una goccia di sperma in ricettacolo sicuro. Poi la goccia di sperma trasformammo in grumo di sangue, e il grumo di sangue trasformammo in massa molle, e la massa molle trasformammo in ossa, e vestimmo l’ossa di carne…Sia benedetto Dio, il Migliore dei Creatori! Dal (Cor. 23:12-14)
Libro molto interessante per capire meglio il libro sacro dei musulmani e per entrare dal di dentro nella cultura e nelle tradizioni islamiste. L’autore propone con un linguaggio semplice quello che è il messaggio del Corano, quella che è stata la diffusione, le diverse interpretazioni del testo, il rapporto tra oralità e scrittura, il Corano come codice, testo, culto, verità, come materia di dogma, come si è formato il Corano pur tralasciando dubbi ed enigmi oggi ancora irrisolti.
Consigliato a chi è curioso, a chi voglia capirne un po’ di più sul testo sacro, a chi scevro da pregiudizi si ristora nell’alimentarsi nelle culture diverse dalla propria.

LIBRI: SARAMAGO

Standard

saramago-caino1Caino è protagonista e voce narrante. È lui che racconta della blasfema convivenza fra Eva e il cherubino Azaele, l’assassinio del fratello Abele e il suo successivo dialogo filosofico con dio, la maledizione, il marchio e l’incontro con l’insaziabile Lilith nella città di Nod. E attraverso i suoi occhi che assistiamo al sacrificio di Isacco, alla costruzione della Torre di Babele, alla distruzione di Sodoma. E lui che dialoga con Mosé in attesa sul monte Sinai e che vede nascere l’identità israelita, fino a un ultimo duro confronto con dio. Se nel Vangelo secondo Gesù Cristo José Saramago ci ha regalato la sua visione del Nuovo Testamento, con Caino irrompe l’Antico, e ancora una volta Saramago, dichiaratamente non credente, rivendica il diritto a dire la sua in materia di religione. E lo fa, anche questa volta, a voce ben alta, con quella sua inconfondibile ironia capace di trasformare in sublime letteratura la storia di un Caino che accetta, si, il proprio castigo per l’uccisione di Abele e il destino di errante, ma, insieme, insorge contro un dio crudele e sanguinario che considera corresponsabile. E a questo dio che Saramago, per voce di Caino, chiede spiegazioni, per affermare ancora una volta che “la storia degli uomini è la storia dei loro fraintendimenti con dio, perché lui non capisce noi, e noi non capiamo lui”. Ed è essenzialmente l’uomo, nella cui mente solo esiste il dio, a essere il protagonista di queste pagine. In queste che suonano come un’invettiva Saramago propone una sua tesi sull’inesistenza di Dio, di un Dio connivente, anzi causa e provocazione dell’uccisione di Abele da parte di Caino, ma non solo, si fanno riferimento anche ad altri eventi biblici come le distruzioni di Sodoma e Gomorra, le iniquità, le prove altamente crudeli ed oltre ogni bene possibile. Un libro che ti pone dinanzi a tanti interrogativi portandoti degli esempi concreti, mi viene da pensare anche a Primo Levi che ha affermato: “C’è Auschwitz, dunque non può esserci Dio. Non trovo una soluzione al dilemma. La cerco, ma non la trovo”. Dio esiste o no? Un quesito forse inspiegabile, che però va affrontato con gli occhi della consapevolezza (verso anche la figura di Caino stesso oltre che del Dio).

“Che hai fatto a tuo fratello, domandò, e caino rispose con un’altra domanda, Ero forse il guardaspalle di mio fratello, L’hai ucciso, Proprio così, ma il primo colpevole sei tu, io avrei dato la vita per la sua vita se tu non avessi distrutto la mia, Ho voluto metterti alla prova, E chi sei tu per mettere alla prova colui che tu stesso hai creato, Sono il signore sovrano di tutte le cose, E di tutti gli esseri, dirai, ma non di me né della mia libertà, Libertà di uccidere, Come tu sei stato libero di lasciare che uccidessi abele quando era nelle tue mani evitarlo, sarebbe bastato che per un attimo abbandonassi la superbia dell’infallibilità che condividi con tutti gli altri dèi, sarebbe bastato che per un attimo fossi realmente misericordioso, che accettassi la mia offerta con umiltà, solo perché non avresti dovuto osare rifiutarla, gli dèi, e tu come tutti gli altri, hanno dei doveri verso coloro che dicono di aver creato…”

“Dio non potrebbe essere mai cattivo oppure non sarebbe dio, di cattivo abbiamo il diavolo, Ma neanche può essere buono un dio che dà ordine a un padre di uccidere e bruciare sul rogo il proprio figlio solo per mettere alla prova la sua fede, questo non ordinerebbe di farlo nemmeno il più cattivo dei demoni”.

LIBRI: CORONA

Standard

9788804649458-una-lacrima-color-turchese_copertina_piatta_foIl giorno di Natale, in uno sperduto paesino di montagna sommerso come ogni anno da una fitta coltre di neve, accade un fatto sconvolgente: mentre la gente si dispone a mettere da parte i rancori, cercando di essere più buona almeno per le festività, le statuine di Gesù Bambino scompaiono misteriosamente da tutti i presepi. Le prime ad accorgersene sono tre madri di famiglia che, indignate, accusano i figli del furto. Quando però si sparge la voce che l’inquietante fatto non ha colpito solo quel borgo ma addirittura il mondo intero, la rabbia cede il posto al panico. Cosa può nascondersi dietro a un evento così assurdo e angosciante? L’umanità ha disperatamente bisogno di risposte. Teologi e satanisti, esperti e millantatori si lanciano in teorie e ipotesi. Non si arrendono di fronte a nulla, l’importante è individuare un colpevole. Ma la ricerca sembra essere destinata a non avere fine. Eppure basterebbe sottrarsi alla frenesia e riflettere per un momento in silenzio per rendersi conto che quel mistero ci coinvolge tutti. Se solo avessimo il coraggio di guardare dentro ai nostri cuori e interrogare le nostre coscienze…Non mi è piaciuto molto, ho letto di meglio di questo autore, per fortuna che è un libro che si finisce subito.

LIBRI: PICOULT

Standard

9788863803846_laltra_famigliaZoe Baxter, musico terapeuta sposata da dieci anni con Max, vorrebbe tanto un figlio, ma non riesce a portare a termine la gravidanza. Dopo l’ennesimo aborto, il matrimonio si sfascia: Max cerca conforto dal fratello e nella chiesa che quest’ultimo frequenta; Zoe si butta nel lavoro e intreccia una relazione profonda destinata a sbocciare in un amore. Ma il desiderio di formare una nuova famiglia, di avere dei figli, si infrange nell’incomprensione dell’ex marito e finisce in tribunale. Jodi Picoult vive ad Hanover, New Hampshire, con il marito, i tre figli e numerosi animali domestici. Autrice di 19 romanzi è tradotta in 23 lingue e ha venduto più di 12 milioni di copie dei suoi libri in tutto il mondo. Questo è il primo libro che affronto di questa autrice, che per certi versi mi ha piacevolmente colpito, per altri meno. La storia si evolve sotto più punti di vista: quello di Zoe che cerca disperatamente di avere un bambino, e al terzo aborto, verrà lasciata dal marito, Max, che rappresenta un altro punto di vista che dopo il divorzio sarà costretto a vagabondare e troverà una sua pace attraverso il fratello e la religione (elemento negativo o meglio esasperato del libro, troppo fanatismo). Altro punto di vista è quello di Vanessa che si prenderà cura di Zoe in questo momento difficile, e che si accorgerà con il tempo che il loro rapporto altro non è che amore: amore senza convenzioni, amore che non chiede un perché, amore dell’amore, sull’amore, per l’amore, amore che si ama, amore dei sensi oltre che dei corpi. La decisione di avere un bambino grazie a degli embrioni in vitro avuti con Max, porterà l’ex marito ha un disaccordo, e questo sfocerà nell’incomprensione, nell’ignoranza, nel bigottismo, nella sterilità dei sentimenti oltre che delle cellule, e si arriverà in tribunale. Dove si dibatterà a chi affidare questi embrioni. Il libro sicuramente denso, dove vengono affrontati diversi temi, da cui ci sarebbe da parlare al lungo, come l’amore omosessuale, il rapporto tra i generi, la malattia, la religione, il suicidio, tradimenti, alcolismo. Un microcosmo di argomenti che a volte echeggia e si confronta con dei profondi buchi neri: quelli dell’eccedere, quelli del troppo, del sapersi non molto bene calibrare e rimanere in un giusto equilibrio con le parole.

CITAZIONI&CO

Standard

imagesO44EFTUL

 

“Naturalmente è stata un’infanzia infelice, sennò non ci sarebbe gusto. Ma un’infanzia infelice irlandese è peggio di un’infanzia infelice qualunque, e un’infanzia infelice irlandese e cattolica è peggio ancora”.

 
Da [Le ceneri di Angela di Frank McCourt]