LIBRI LETTI: CARTER

Standard

«Il Principe che libera la Principessa dalla tana del drago è sempre costretto a sposarla, anche se fra i due non è nato del tenero. Questa è l’usanza. È questa regola vale senza dubbio anche per la trapezista che salva il clown».

È una notte londinese del 1899 e il tempo si è fermato. In un camerino dell’Alhambra Music Hall, «capolavoro di squallore squisitamente femminile», l’imberbe giornalista americano Jack Walser sta intervistando la star del momento: Fevvers, seducente trapezista vagabonda, un metro e ottantacinque per ottantotto chili, biondissima e dotata di un bel paio di ali. Una vera e propria leggenda. Scorrono fiumi di champagne e la diva racconta la sua vita rocambolesca: abbandonata in fasce sulla soglia di un bordello a Whitechapel e amorevolmente cresciuta dalla baffuta Lizzie, inizia presto a guadagnarsi da vivere prima come statua vivente di Cupido e poi come attrazione in un freak show. Ma Fevvers vuole volare alto. Il suo destino sono le luci della ribalta, e in poco tempo lei e il suo trapezio conquistano i palchi – e i cuori – di tutta Europa. Inizialmente scettico, Walser finisce per soccombere al fascino incontenibile della Venere cockney. Un po’ già innamorato e un po’ in cerca dello scoop della vita, decide di mollare tutto e si unisce al circo. Insieme alla scalcagnata compagnia circense – capitanata da un colonnello del Kentucky e la sua fidata Sybil, una scrofa intelligentissima in grado di fare lo spelling – in viaggio attraverso la Russia vivrà mille peripezie e incontrerà i personaggi più bizzarri, in un esilarante caleidoscopio in bilico fra realtà e fantasia.

 

Notti al circo è un romanzo di Angela Carter, pubblicato nel 1984 e vincitore, nello stesso anno, del James Tait Black Memorial Prize.
La protagonista del romanzo è Fewers, una ragazza londinese o, meglio “cockney”, che non conosce i propri genitori e che è – o vuol farci credere di essere – vergine. La storia si svolge nel 1899, anno in cui Fewers è ormai una famosa trapezista, un’artista sensazionale e sorprendente, che, durante un’intervista, cattura l’attenzione del giovane giornalista Jack Walser. Egli decide così di seguire il circo, finendo per prendervi parte e ritrovandosi in un mondo che nessuna delle sue esperienze giornalistiche lo aveva preparato a incontrare.
Così come in Figlie Sagge, edito sempre da Fazi, la Carter ci regala un caleidoscopio di personaggi, di storie, di vite che giocano la loro partita, più spesso rivincita o riscatto, dentro un circo. Il circo delle possibilità. Dove vive una legge fondamentale: la legge del desiderio. Desiderio di rinascita, desiderio di vendetta, desiderio di annullarsi al piacere, desiderio di conquista, desiderio di saltare e volare, come l’aeralist Fevver, per i più intimi Sophie, dove l’angelo alato, tra un trapezio e l’altro cerca la sua possibilità, smarcando l’amore per poi rimanerne eternamente vittima.

Rimane a margine del testo, come in Figlie Sagge, quella eccessività proposta dall’autrice, di un troppo di tutto, che fa si che la storia non sia per niente facile da seguire e la lettura diventa difficoltosa sia per personaggi che per evoluzione narrativa. Preferirei la stessa abbondanza narrativa ma con più ordine, a partire anche qui di corredo di uno schema dei personaggi per meglio seguire tutte le vicende.

LIBRI LETTI: CARTER

Standard

«Come potevano due ragazze che pensavano solo al ballo e al canto puntare così in alto? Eravamo destinate, dalla nascita, a essere delle bellezze effimere del teatro, saremmo emerse e avremmo brillato come candeline di compleanno, per poi spegnerci».

Chi sono le figlie sagge raccontate da Angela Carter?
Sono nient’altro che Dora e Nora figlie di Melchior Hazard e star del teatro britannico, con una predilezione particolare per le opere shakespeariane.
Dora e Nora non sono mai state riconosciute dal padre, e la madre non l’hanno mai conosciuta in quanto deceduta durante il loro parto.
Vengono, così, cresciute da Chance, proprietaria di una locanda sgangherata, dal fratello gemello di Melchior, Peregrine, e lo zio Perry, che le riempie di attenzioni facendogli regali a distanza quasi per voler colmare un vuoto affettivo che la cattiva sorte ha deciso per loro.
Il romanzo inizia con l’invito inaspettato alla sfarzosa festa di Melchior Hazard, organizzato insieme alla terza moglie, per festeggiare il suo centenario. Caso vuole che nello stesso giorno le due gemelle nonché figlie non riconosciute compiano anche loro settantacinque anni. Nora e Dora hanno nel sangue l’arte, e il fremito dell’essere artisti, non raggiungono le vette del padre, ma si divertono, tra lustri e lustrini.
Nora e Dora destinate all’irriconoscenza paterna, a differenza di altri figli gemelli, come Saskia e Imogen avuti da Melchior con Lady Atlanta, anche soprannominata Weelchair, e di Tristram e Gareth, nati dal terzo matrimonio con Milady Margarina.
Il libro è irriverente, ma risente di diversi difetti, uno su tutti: quello di voler contenere troppi elementi assieme, troppi dettagli, troppe scene paradossali, troppi intrecci familiari con annessi incesti e figliolanze che si scoprono nel retroscena della narrazione, troppi nomi. Insomma, un grande calderone infarcito di eventi che la Carter sperava di rendere un mappamondo in cui far perdere il lettore per poi indicargli la strada. Ma il lettore si trova solo. Solo di fronte all’infinito immaginato dall’autrice che mettendo in scena un realismo magico costringe il lettore in una vera corsa ad ostacoli per riuscire a tenere le redini della storia.
Infine, grossa mancanza nel libro è l’albero genealogico della famiglia, che io mi sono andato a cercare su internet per fare ordine nella mia testa, che potete consultare al seguente indirizzo: https://it.wikipedia.org/wiki/Figlie_sagge#/media/File:Albero_genealogico_Figlie_Sagge.JPG

Anche meno – di tutti gli elementi inseriti – sarebbe stato fruttuoso per la scrittrice, ma soprattutto per un lettore che ne esce confuso e affaticato, seppur la lettura non sia certo ai livelli dei grandi classici.