LIBRI: ZANARDO

Standard

untitled“Sentivo sulla mia pelle l’umiliazione di essere accucciata sotto un tavolo. Sentivo nella mia carne il sopruso della telecamera che frugava il nostro corpo. Soltanto attraverso la comprensione profonda, e di conseguenza l’assunzione totale della vergogna e del dolore per come eravamo rappresentate, sarebbe stato possibile scrivere un testo per stimolare domande, per educare e finalmente cambiare.”

Questo è quello che scrive l’autrice a proposito del suo libro, che all’origine è stato un documentario tradotto in sei lingue prodotto con Cesare Cantù e Marco Malfi Chindemi. Venticinque minuti di documentario, di osservazione del corpo della donna che è diventata ormai un oggetto mass-mediatico, una pedina della tv. Il libro ci presenta l’immagine della donna, una donna che nel mondo dello spettacolo ha perso la sua verità per vestire i panni di una donna artefatta, volgare, triste, umiliante. La Zanardo racconta l’interesse che ha suscitato questo documentario, ai tempi in maniera inaspettata, e ci presenta una nuova immagine della donna fuori da stereotipi di sorta. Non la donna oggetto, statuetta, solo gambe e tacchi a spillo, ma una donna che al pari delle Europee si da dà fare, si mette in gioco. Interessante rilevazione sociologica che termina con l’acuta riflessione che la soluzione non è spegnere la tv, ma avere consapevolezza nel guardarla, quella che manca a molti, troppi.

Per chi voglia vedere il documentario: https://www.youtube.com/watch?v=EBcLjf4tD4E