LIBRI: O’CARROLL

Standard

AgnesBrownMammaAgnes Browne, trentaquattro anni, bella, proletaria, simpatia irresistibile, ha un banco di frutta e verdura al mercato del Jarro, turbolento quartiere popolare di Dublino, sette figli come sette gocce di mercurio e un’autentica venerazione per Cliff Richard. Purtroppo ha anche un marito che lascia i suoi guadagni agli allibratori, per poi rifarsi con lei a suon di ceffoni. Ogni mattina Agnes esce di casa alle cinque per incontrare l’amica Marion e iniziare insieme la giornata, in allegria, e il venerdì si gioca a bingo, per poi finire al pub di fronte a una pinta di birra e a un bicchiere di sidro. Non una gran vita, a parte le risate con Marion e le altre, al mercato. Finché, un bel giorno, Rosso Browne muore, lei rimane sola e comincia a godersi davvero l’esistenza. È l’inizio di un carosello di vicende esilaranti, in coppia con Marion, autentico genio comico, e alle prese con i figli che le propinano dilemmi adolescenziali, obbligandola a improvvisarsi consigliera (con grande spasso dei pargoli) o a vestire i panni dell’angelo vendicatore. Insomma, senza quel treppiede del marito attorno, la nostra Agnes pare tornata la ragazza dublinese che è stata – tanto che non manca uno spasimante, un affascinante bell’imbusto francese ignaro degli equivoci della (e sulla) lingua. Intanto la vita continua, nella Dublino di fine anni settanta, tra gioie e dolori, un colpo basso della sorte e un girotondo di risate con Marion, i figli che crescono e, in testa, un sogno che sembra irrealizzabile. Siamo nella Dublino degli anni ’70, Agnes è ormai libera – dopo la morte – da un marito violento e che non sapeva darle una minima attenzione, se non violenza fisica. La donna ha 7 figli, sì ben sette, e il problema più grande susseguente alla morte di Rosso Browne (il marito) non è la mancanza d’affetto (seppur la donna cercherà in questo primo romanzo un nuovo aggancio sentimentale), ma soprattutto economica, tanto che Agnes cercherà di portare avanti la sua famiglia con la semplice vendita di frutta e verdura al mercato di Moore Street, insieme alla sua amica (irriverente) Marion. Questo primo romanzo, davvero divertente è spassoso, ci presenta la figura di una donna positiva, che al di là di tutti i dolori subiti riesce sempre a trovare un motivo tra il buio dei malanni per andare avanti.