LIBRI: NOTHOMB

Standard

204_antichrista_1175450619“Antichrista”: un titolo che già anticipa il senso di un racconto che ancora una volta presenta la personalità multiforme della sua autrice. Protagoniste due giovani donne: Christa ragazza bella, brillante, libera, intelligente e terribilmente bugiarda, contrapposta all’amica Blanche, mite, timida e bruttina che inizialmente vede nell’amica l’esempio luminoso e brillante da seguire e che gradulmente si accorge come dietro quella facciata si celi una vera Antichrista. Ma chi sarà la vincitrice finale di un rapporto vittima-carnefice che degenera sino a una guerra dichiarata del male contro il bene? Una storia incentrata sul rapporto sadico (e masochistico) di due adolescenti che ha dichiaratamente diversi elementi autobiografici. Un libro che ha qualche elemento che manca, cioè resta comunque bello, ma risente di qualche mancanza. Blanche segue il suo modello, Christa, che non è poi altro che l’altra faccia di ogni essere umano, l’altro lato nascosto che si racchiude dentro tutti noi; c’è una parte di cui siamo consapevoli, sempre, e delle parti di cui all’apparenza impariamo bene – con il tempo – ad ignorarne l’esistenza. Questo rapporto diviene carnale, di crescita, d’indagine: «A sei anni, spogliarsi non è nulla. A ventisei, è ormai una vecchia abitudine. A sedici anni, spogliarsi è un atto di una violenza insensata. “Perché mi chiedi questo, Christa? Sai cosa significa per me? Lo pretenderesti, se lo sapessi? È proprio perché lo sai che lo pretendi? Non capisco perché ti obbedisco”». Da leggere, anche perché come sempre la Nothomb ci mostra i sentimenti, senza tanti infingimenti, ce li sbatte in faccia.

“[…] una delle gioie della mia vita di adolescente consisteva nella lettura: mi sdraiavo sul mio letto con un libro e diventavo il testo. Se il romanzo era bello, mi trasformavo in lui. Se era mediocre, trascorrevo comunque delle ore meravigliose a godere delle cose che non mi piacevano e a sorridere delle sue occasioni mancate. La lettura non è un piacere sostitutivo. Vista dall’esterno, la mia esistenza era scheletrica; vista dall’interno ispirava quello che ispirano gli appartamenti il cui unico mobilio è una biblioteca sontuosamente stracolma di libri: l’ammirazione gelosa per chi non si sovraccarica del superfluo e trabocca del necessario”