LIBRI: LITTIZETTO, SCHNEIDER

Standard

image_book

Sola come un gambo di sedano è il quarto libro, pubblicato nel 2003, della comica torinese Luciana Littizzetto. Si tratta di una raccolta di racconti, non più lunghi di due pagine, in prima persona, simili ai monologhi televisivi che hanno reso celebre l’attrice a Che tempo che fa. Spesso, in effetti, la Littizzetto ripropone alcuni “pezzi” già presentati in trasmissione. I temi della sua comicità sono, in questo libro come in altri, le difficoltà della vita sentimentale tra l’essere single e l’essere in coppia, l’assurdità della società contemporanea e dei suoi modelli sbagliati, il mondo diseducativo della televisione e della pubblicità. Carino, ma niente di più.

 

 

La baracca dei triimage_booksti piaceri è un romanzo storico della scrittrice Helga Schneider, tedesca naturalizzata italiana. «Stava lì, l’aguzzina delle SS, capelli biondi e curati, il rossetto sulla bocca dura, l’uniforme impeccabile… Stava lì e pronunciò con sordida cattiveria: ‘Ho letto sulla tua scheda che eri la puttana di un ebreo. È meglio che ti rassegni: d’ora in poi farai la puttana per cani e porci.» Così racconta l’anziana Frau Kiesel all’ambiziosa scrittrice Sveva, dando voce a un dramma lungamente taciuto: quello delle prigioniere dei lager nazisti selezionate per i bordelli costruiti all’interno stesso dei campi di concentramento. Donne i cui corpi venivano esposti ai sadici abusi delle SS e dei prigionieri maschi che malgrado tutto preferivano rinunciare a un pezzo di pane per scambiarlo con pochi minuti di sesso. Donne che alla fine della guerra, schiacciate dall’umiliazione e dalla solitudine, invece di denunciare quella tragedia, fecero di tutto per nasconderla e seppellirla dentro di sé. Sicuramente crudo e triste, ma ho letto di meglio, sembra quasi che la storia sia frutto di mera fantasia dell’autrice più che farsi portavoce di testimonianze indicibili.