LIBRI LETTI: KIRCHHOFF – RC: OB. 17 – UN THRILLER

Standard

image_book

Descrizione: “Perché amare fa più male che uccidere?” Willem Hold, il killer sentimentale protagonista di queste pagine, ha buone ragioni per porsi una simile domanda. Ha appena scoperto che è facile fare cazzate quando si ha la ‘fortuna’ di incontrare la donna dei propri sogni. Lui l’ha incontrata e l’ha fatta veramente grossa: ha ucciso il più grande critico letterario tedesco anziché il ricco industriale per cui era stato pagato…

I personaggi (in ordine di apparizione):

Willem Hold, si sente appena un ventenne, ma purtroppo non lo è; assente dalla Germania per dieci anni per fondate ragioni, vi torna per uccidere un uomo.
Lou Schultz, poco sotto i trent’anni, bella e maledetta; con la sua bellezza, si guadagna da vivere; in circostanze tutte da chiarire, è entrata in possesso d’un Picasso; siede accanto a Hold sul volo per Francoforte, in prima classe.
Homobono Narciso, ex maggiore con una sola mano, una volta uomo dei reparti speciali contro i ribelli, poi mediatore di servizi d’ogni genere; nella sua unica mano c’è più sporcizia che in due.
Dr. Cornelius Zidona, rappresentante d’affari di talento e avvocato dalla parlantina facile, è in grado di disquisire su qualunque cosa, dalle macchine scavatrici per l’edilizia alla propria virilità.
Ollenbeck, scrittore esordiente di successo: un libro solo, e già è il nuovo idolo della letteratura tedesca.
Louis Freytag, grande critico letterario, uomo senza età, è ucciso per errore, ma anche dopo la sua morte sembra vivere l’ombra della sua autorevole influenza.
Carl Feuerbach e Helene Stirus, entrambi ex poliziotti, poi detective privati con il loro primo incarico: rintracciare il Picasso sparito; coabitano forzatamente e si danno del lei per precauzione.
Johann Manfred ‘Big Manni’ Busche, imprenditore sulla cinquantina; sin da piccolo sognava enormi scavatrici, poi ha accumulato miliardi facendo affari col leasing; è la vittima designata.
Vanilla Campus-Busche, fra i trenta e i cinquanta, annunciatrice della televisione fino al giorno d’un mitico scivolone che le ha dato la celebrità, poi vip di professione e moglie di Busche; ha appena pubblicato il suo primo libro, “Bodymotion”, un manuale del sesso.
E inoltre vari personaggi dei media e del mondo dello spettacolo (veri o inventati) e, ‘last but not least’, un certo Signor Franz, proprietario d’una vecchia barca malandata sul Lago di Garda, alla fine arca dei sopravvissuti…

Un libro particolare, un thriller che inizia con un omicidio ma non si conclude con un arresto, tanti i personaggi che fanno da sfondo alla storia, a quella Francoforte in cui si tiene la Fiera del Libro e in cui tanti loschi individui, alquanto mediocri, cercano di sfidare la fortuna. Numerose le ingerenze dell’autore nel libro, seppur non prendano il sopravventoper fare una critica a taluna o tal’altra cosa; nel complesso un thriller godevole, che definirei senz’altro romantico, un thriller romanzo che non scade nel banale e nel mieloso, e tanto basta per dargli una chance di lettura. Se ancora non siete convinti, e poi non vi piacerà, di certo non potete prendervela con l’autore: il titolo vi aveva avvertito! (ah, ah, ah).