LIBRI LETTI: CASSOLA

Standard

cover

La ragazza di Bube è un romanzo scritto da Carlo Cassola tra il 1958 e il 1959 in cui vengono tra l’altro illustrati, attraverso la storia di ragazzi innamorati, i problemi politici e sociali del dopoguerra.
Venne insignito del Premio Strega nel 1960, anno in cui era stato pubblicato dalla casa editrice Einaudi; tre anni più tardi ne fu realizzato anche un adattamento cinematografico per la regia di Luigi Comencini e come interpreti principali attori della caratura di Claudia Cardinale e George Chakiris.
Mara è una giovane di Monteguidi, piccolo paese della Val d’Elsa, che all’indomani della Liberazione conosce il partigiano Bube, eroe della Resistenza, e se ne innamora. Questi, tornato alla vita civile imbottito di precetti di violenza e vendetta, ha commesso un delitto e, dopo un periodo alla macchia, viene catturato e condannato a quattordici anni di carcere. Mara, maturata proprio grazie alla forza del sentimento per Bube e divenuta ormai donna, decide di aspettare l’amato con animo fedele e ostinato.
“La ragazza di Bube” segna una profonda cesura nella narrativa italiana del dopoguerra: benché ispirato a una vicenda realmente accaduta, il romanzo si arricchisce di elementi psicologici e lirici superando le istanze neorealiste, tanto per il linguaggio quanto per il rifiuto dei dogmatismi ideologici. “Il romanzo” sostiene infatti Cassola “viene prima di ogni interpretazione della realtà, è la ricerca continua della verità degli uomini.”
Un libro che racconta dell’amore e della politica e di come questi due mondi possono incontrarsi, ma racconta anche della crescita dei sentimenti, dell’iniziale infantilità nell’affrontarli, per poi restarne inevitabilmente coinvolti. Bube, questa ragazzetta è la protagonista di tutto il romanzo, forse nella prima parte troppo vanitosa e poco sensibile, successivamente diventerà e mostrerà tutta la sua forza, una forza che raramente ho letto con tanto ardore nelle pagine della letteratura del ‘900.