LIBRI LETTI: BARICCO

Standard

710a4gQVW5L

Siamo all’inizio del secolo scorso. La promessa Sposa è giovane, arriva da lontano, e la Famiglia la accoglie, quasi distrattamente, nella elegante residenza fuori città. Il Figlio non c’è, è lontano, a curare gli affari della prospera azienda tessile. Manda doni ingombranti. E la Sposa lo attende dentro le intatte e rituali abitudini della casa, soprattutto le ricche colazioni senza fine. C’è in queste ore diurne un’eccitazione, una gioia, un brio direttamente proporzionale all’ansia, allo spasimo delle ore notturne, che, così vuole la leggenda, sono quelle in cui, nel corso di più generazioni, uomini e donne della famiglia hanno continuato a morire. Il maggiordomo Modesto si aggira, esatto, a garantire i ritmi della comunità. Lo Zio agisce e delibera dietro il velo di un sonno che non lo abbandona neppure durante le partite di tennis. Il Padre, mite e fermo, scende in città tutti i giovedì. La Figlia combatte contro l’incubo della notte. La Madre vive nell’aura della sua bellezza mitologica. Tutto sembra convergere intorno all’attesa del Figlio. E in quell’attesa tutti i personaggi cercano di salvarsi.
Mmmm, un libro che non mi convince, perché ahimè troppo ragionato – elemento che sta invischiando lo stile di Baricco nelle ultime pubblicazioni –, che si evince anche dalla marginale caratterizzazione dei personaggi anche loro in secondo piano rispetto alle frasi in sé (che sì portano a riflettere il lettore, ma che tolgono alla storia veridicità).
Quindi, un Baricco troppo razionale, che cerca sempre di trovare originalità, ma che spesso non ci riesce, come in questo caso.