LIBRI: ABATE

Standard

il_bacio_del_pane-280x448Il mare che si allontana, scintillante nella calura. La fiumara da risalire, gonfia di pietre luminose, i ruderi dei mulini, il bosco di lecci chiazzato del giallo delle ginestre e infine lo scroscio sempre più intenso: è così che Francesco e i suoi amici scoprono un’oasi di pace presso la cascata refrigerante del Giglietto, sopra il paese di Spillace, in Calabria. Il luglio è afoso, e i bagni nel laghetto, seguiti dai saporitissimi pranzi, sono il diversivo ideale per la piccola comitiva di ragazzi e ragazze nemmeno diciottenni, affamati di vita e di emozioni. Ma quel luogo incantevole cela un mistero: in uno dei mulini abbandonati Francesco e Marta incrociano gli occhi atterriti e insieme fieri di un vagabondo, che si comporta come un uomo braccato, cerca di allontanarli ed è addirittura armato. Ma la curiosità buona dei due ragazzi, gli sguardi leali scambiati nell’ombra, hanno la meglio: e presto l’uomo misterioso rivela qualcosa di sé, della ferita che lo ha condotto a nascondersi… Luglio, agosto, giorni in cui la vampa dell’estate si accompagna ai sapori dei fichi maturi, delle olive in salamoia, del pane preparato in casa con un rito affascinante, sul far del mattino. E poi settembre, l’estate che si va spegnendo, il ritorno alla scuola e alla vita usata, la maggiore età che si avvicina: e con essa la consapevolezza che l’incanto non è nulla senza il coraggio, senza l’impegno che ogni vita adulta richiede. Un bel libro, scritto bene, una scrittura che attraverso i colori, gli odori, gli inserimenti musicali, riesce a presentarci una tematica difficile attraverso l’amore di due giovani che si fermano, indagano: su loro stessi, sulla loro terra – terra d’arrivo, ma anche di partenza –, terra di tradizioni e di semplici valori, in modo non banale, ma allo stesso tempo semplice. Nonostante tutto però sembra che gli manchi qualcosa, e un po’ come leggere un libro e alla fine quando lo chiudi pensi: “Tutto qua?”

“I sogni vanno coltivati con caparbietà quando sono dei germogli, altrimenti muoiono subito, non diventano mai piante robuste, non cambiano la vita, né a te né agli altri.”